16/22 LUGLIO - SETTIMANA IN DOLOMITI - MARMOLADA, PELMO E CIVETTA

Vai ai contenuti
le attività > TREKKING ed ESCURSIONI

LE DOLOMITI AGORDINE E LA VALLE DEL BIOS
16-22 luglio 2018
MARMOLADA, PELMO E CIVETTA

  
ESCURSIONI NELLE DOLOMITI AGORDINE e nella VALLE DEL BIOIS
16 - 22 luglio
fare trekking nel cuore delle Dolomiti venete al cospetto delle pareti di Civetta, Pelmo, Marmolada e delle Pale di San Martino

 
Una vacanza in Dolomiti, patrimonio mondiale dell’UNESCO, in un’area decisamente a torto meno famosa di altre zone adiacenti: la Valle del Biois che con i borghi di Falcade, Caviola, Canale d’Agordo si posiziona al centro di gruppi montuosi assolutamente spettacolari come Marmolada, Pelmo, Civetta e il lato settentrionale delle Pale di San Martino. Il vantaggio di essere meno conosciuta porta con se la dote che alcune di queste zone sono ancora selvagge, non è raro infatti incontrare Camosci, Caprioli e altra fauna selvatica. Le escursioni avranno la caratteristica di percorrere itinerari al cospetto delle più grandi pareti delle Dolomiti come la sud della Marmolada famosa per le “canne d’organo” che la contraddistinguono, oppure la ovest della Civetta che con i suoi 1300 metri di sviluppo verticale è la più alta delle Dolomiti; ma anche di attraversare borghi come Canale d’Agordo ai piedi dell’altopiano delle Pale di San Martino e all’imbocco della valle di Gares contraddistinta dalla natura intatta e da una casacata spettacolare, dalle cime di Focobon viste da una prospettiva inusuale e molto affascinante, oppure del periplo del Pelmo con la breve deviazione per vedere le orme dei dinosauri. Da non dimenticare il frequente transito in zone dove è stata combattuta la prima Guerra Mondiale di cui nel 2018 ricorre il centenario della conclusione. A contorno i borghi della valle che presentano ancora caratteristiche costruzioni originali (i Tabià o la casa delle “Regole” di Canale) che in alcune zone riportano immagini votive affrescate sugli edifici. E se poi un giorno non si volesse camminare c’è la possibilità di visitare i caratteristici paesi valligiani, i musei Murer o dell’Uomo di Mondeval oppure per sensazioni più forti agganciarsi ad un cavo a 160 metri da terra per 1,6 km di discesa mozzafiato con un dislivello di 260 metri per un’esperienza di adrenalina pura in tutta sicurezza. Non manca nulla per una vacanza attiva nella natura e nelle bellezze di questi luoghi unici al mondo.

 
DA NON PERDERE
  • Falcade il centro turistico della zona,
  • Cime di Focobon, tre “denti” unici per conformazione
  • Cime d'Auta, i gendarmi prima della Marmolada
  • Rifugio Fuciade, in un luogo da sogno un rifugio “speciale”
  • Le orme dei dinosauri, la storia geologica delle Dolomiti
  • il periplo del Pelmo, un 360° inimitabile
  • ovest della Civetta, la parete delle pareti
  • sud della Marmolada, l’imponenza nascosta della regina delle Dolomiti
  • i luoghi della Prima Guerra Mondiale a 100 anni dal termine
  • Canale d’Agordo, la casa delle “regole” e di Papa Luciani
  • la cascata di Gares, uno dei salti d’acqua maggiori delle Dolomiti
  • il museo Murer di Falcade e la gastronomia locale.
  • Zip Line S.Tomaso per un adrenalinico volo

PER CHI
Per escursionisti evoluti ma anche per camminatori meno tecnici e allenati. Le camminate proposte sono adatte ad escursionisti che abbiano abitudine, e un minimo di allenamento, all’attività motoria e a compiere dislivelli medio bassi in terreno montano (livello T/E); ma sono anche differenziate e idonee a escursionisti più allenati e con capacità tecniche adatte ai percorsi EE

 
Programma indicativo:
Le escursioni e gli accompagnamenti sono strutturati in modo da consentire la scelta fra due livelli differenti di impegno fisico e tecnico, formando due gruppi di cammino (gruppo Soft: facile - gruppo Hard: impegnativo)

 
1° giorno :
Arrivo per le 18.00 presso l’Albergo “Il Molino”. Sistemazione nelle camere d’Hotel e alle 18.30 incontro con le guide e presentazione del programma escursionistico, alle ore 20,00 cena in Hotel

 
2° giorno :
La parete della Civetta, rif. Tissi e rif. Vazzoler
Partenza dopo colazione per l’escursione alla “parete delle pareti”. Dopo circa 25 minuti d’auto inizia l’escursione dove i due gruppi si inoltreranno nella val Corpassa sul versante meridionale del gruppo dolomitico della Civetta e della Moiazza. In un ambiente via via sempre più maestoso percorrendo una comoda stradina sterrata, si giunge al rif. Vazzoler (m 1714) dopo circa 1h 45’ di cammino e 580 m di dislivello. Possibilità di permanenza per chi non volesse continuare. Prosecuzione per il rifugio Tissi con altri 550 m di dislivello sempre su stradina e sentiero facile. Il percorso non è tecnicamente impegnativo e concede delle viste incredibili sulla Civetta lasciando letteralmente a bocca aperta l’escursionista; dal rifugio Tissi la vista spazia anche sulle vallate circostanti per un panorama unico. Ritorno per lo stesso percorso. Pranzo al sacco o in uno dei rifugi. Rientro in hotel, cena e pernottamento.
Dislivello: 580 m al rif.Vazzoler, 1130 m al rif Tissi
difficoltà: T per il Vazzoler, E per il Tissi (per il dislivello)

 
3° giorno :
Malga Ciapela, rif. Falier, Passo Ombretola, rif. Fuciade
Partenza dopo colazione per Malga Ciapela, la si raggiunge con 40 minuti d’auto e da qui inizia l’escursione in una delle valli più nascoste delle Dolomiti, percorsa 100 anni fa dai soldati della Prima Guerra Mondiale e oggi invece dagli escursionisti e dagli arrampicatori che si cimentano sulle vie estreme della parete sud della Marmolada. Con 515 m di dislivello si raggiunge il rif. Falier posto al termine di una valle molto spettacolare e semipianeggiante. Hard prosegue quindi verso il passo di Ombretola a 2864 m di quota su sentiero impegnativo ma dove la bellezza del luogo e la presenza dei resti delle postazioni militari 15-18 rendono molto suggestivo il transito che, nel prosieguo, diventa divertente grazie alla presenza di due lunghi ghiaioni di fine detrito che permette una rapida discesa fino al rif. Fuciade da cui con poco si torna alla carrozzabile del Passo S.Pellegrino. Pranzo al sacco per il gruppo Hard, al sacco o in rifugio gruppo Easy. Il gruppo Easy torna per lo stesso percorso dell’andata con la successiva possibilità di salire con pochi minuti d’auto al passo Fedaia per ammirare il versante settentrionale della Marmolada col relativo ghiacciaio. Rientro in albergo nel tardo pomeriggio, cena e pernottamento.
Dislivello: 1515 m per rifugio Falier,  1290 m per Passo Ombretola.  
difficoltà E per rif. Falier, EE per passo Ombretola

 
4° giorno :
Canale d’Agordo, val di Gares, forcella Stia
Per la giornata odierna lo spostamento in auto è minimo, infatti con solo 15 minuti si scende a Canale d’Agordo (paese natio di Papa Giovanni Paolo Primo), un caratteristico borgo che mantiene ancora le costruzioni caratteristiche di queste zone affrescate sulle facciate oltre alla “Casa delle Regole”. Da qui ci si inoltra in val Gares fino al termine della strada da dove si iniziano le escursioni. La prima meta è comune a entrambi i gruppi, si raggiunge infatti dopo 400 m di dislivello malga Stia a 1785 m di quota, da qui il panorama si apre e l’accoglienza di questo agriturismo è ottima. La prosecuzione ora diventa facoltativa per il gruppo Easy, c’è infatti la possibilità di decidere se proseguire fino a forcella Stia (m 2190) su sentiero un po’ ripido ma privo di difficoltà tecniche per altri circa 400 m di dislivello con successiva ritorno per il percorso d’andata. Il panorama dalla forcella è notevole e si apre la vista anche sul versante nord delle spettacolari cime di Focobon. Il gruppo Hard ha quindi ora la possibilità di scegliere se salire dalla forcella fino in vetta a Punta dei Mar (m 2365) dal sentiero attrezzato dei Mar, oppure se scendere direttamente in Val di Focobon e tornare direttamente a Falcade camminando.
Pranzo al sacco per il gruppo Hard, al sacco oppure a Malga Stia per il gruppo Easy
Dislivello: 400 m a Malga Stia, 800 m a Forcella Stia, 975 m a Punta dei Mar
difficoltà: T fino a Malga Stia, E fino a Forcella Stia, EE(A) per sentiero dei Mar e discesa in Val di Focobon

5° giorno :
Periplo del Pelmo, rif. Venezia e Rif. Città di Fiume
Dopo colazione da Falcade ci si sposta al passo Staulanza (m 1773) con circa 45 minuti di auto, una volta posteggiato, i due gruppi si incamminano lungo il versante meridionale del Pelmo immersi in scenari di assoluta suggestione. Dopo circa 250 m di dislivello si giunge nell’area in cui sono state rinvenute le orme lasciate dagli antichi abitanti di queste terre quando la loro conformazione era molto differente: i dinosauri. Da qui i due gruppi si separano con il gruppo Hard che prosegue in senso antiorario per completare il Periplo del Pelmo e raggiunge il rif.Venezia per inoltrarsi poi ai piedi delle pareti est e successivamente nord di questo magnifico massiccio del monte Pelmo. Questo percorso presenta brevi tratti impegnativi ed esposti per raggiungere forcella D’Arcia a m 2476. Il gruppo Easy dopo la visita al sito archeologico, torna per un tratto sui propri passi e successivamente riprende a salire verso il rifugio Città di Fiume (m 1917) posto in magnifica posizione panoramica. Dopo pranzo rientro verso passo Staulanza con ricongiungimento dei due gruppi. Pranzo al sacco gruppo Hard, al sacco o in rifugio gruppo Easy.
Tardo pomeriggio rientro in hotel. Cena e pernottamento.
Dislivello: circa 400 m per gruppo Easy, circa 900 per gruppo Hard
difficoltà: T/E per il rif.Fiume, EE per il periplo del Pelmo

 
6° giorno :
Passo delle Selle, sentiero Bepi Zac, Costabella
Prima colazione in Hotel e successiva breve salita in auto al Passo San Pellegrino, lasciata la macchina inizia l’escursione che porta con 650 m di dislivello entrambi i gruppi al rif. Passo delle Selle (2549 m). In alternativa è possibile risparmiare più di un’ora di cammino e 400 m di dislivello utilizzando la seggiovia Costabella. I panorami sono molto ampi e spaziano su vasta parte delle Dolomiti. Una volta al rifugio il gruppo Easy con breve camminata può visitare le numerosissime postazioni militari della Prima Guerra Mondiale. Il gruppo Hard prosegue invece in salita sull’Alta Via Bepi Zac, spettacolare percorso attrezzato di cresta che ripercorre le postazioni militari (con l’audacia delle loro dislocazioni) e unisce le varie Cime di Costabella (2762 m). Il rientro per entrambi i gruppi è al Passo S.Pellegrino nel pomeriggio da dove si scende a Falcade in albergo. Cena e pernottamento.
Pranzo al sacco gruppo Hard, al sacco o in rifugio gruppo Easy
Dislivello: 650 m al rif. Passo delle Selle, 1000 m per le cime di Costabella  
difficoltà E al rifugio, EE(A) per il sentiero Bepi Zac.

 
7° giorno :
Dopo colazione check out dall’hotel e partenza per i luoghi d’origine. Nel caso di partenza pomeridiana, per chi lo desidera, è possibile svolgere una breve escursione partendo dal Rifugio Flora Alpina che si raggiunge in auto e poi con solo 270 m di dislivello fino al Rifugio Fuciade, posto in una posizione incantevole, e dove è possibile pranzare in uno dei “ristoranti in quota” più rinomati delle Dolomiti. Dopo il ritorno alle auto, partenza nel primo pomeriggio per il rientro ai luoghi d’origine
Dislivello: 250 mt.  
difficoltà T

 
I percorsi attraversano alcuni tra i territori più interessanti delle Dolomiti, pertanto avendo un altissimo interesse naturalistico e ambientale è raccomandato a persone rispettose dell'ambiente e consapevoli delle regole di buona condotta.

 

COME ARRIVARE

 
in auto
Da SUD: autostrada A27 Venezia-Belluno. Prendere l’uscita autostradale BELLUNO e proseguire sulla SS203 Agordina, seguendo le indicazioni per Agordo, Cencenighe, Falcade.
Da NORD: autostrada A22 del Brennero, uscita EGNA-ORA/ NEUMARKT-AUER. Per giungere a Falcade percorrere la SS48 fino a Moena (TN), proseguendo a destra per il Passo San Pellegrino al cui termine si trova il borgo di Falcade.
in treno
Da SUD: il nodo ferroviario principale è la stazione di Venezia-Mestre (in alternativa: stazione di Padova). Per Falcade la fermata d'arrivo è Belluno. La stazione di Belluno è collegata a Falcade attraverso il servizio di autobus di linea provinciale DolomitiBus con corse frequenti sia d'estate che d'inverno.
Da NORD: il collegamento ferroviario più importante è la linea del Brennero (Innsbruck – Bolzano). Per Falcade la fermata d'arrivo è Bolzano. La stazione di Bolzano è collegata a Falcade attraverso il servizio di autobus di linea Trentino Trasporti.

 
INFO ALLOGGIO
Alloggio presso Hotel a 4 stelle **** a Falcade.
www.hotelmolino.it
L’Hotel si trova nel cuore delle Dolomiti agordine, è circondato da uno stupendo parco alberato ed è adiacente ai nuovi impianti di risalita.
Rappresenta un punto di partenza ottimale per gli amanti degli sport e per passeggiate ed escursioni indimenticabili tre le meraviglie della Valle di Biois.
Falcade, è una ridente località turistica ed è immersa in una conca ricca di boschi e circondata da una fantastica cornice di monti famosi (Marmolada, Civetta, Pelmo, Focobon, Cime d’Auta). Ai piedi dei Passi S. Pellegrino e Valles, è un’importante stazione sciistica inserita nel carosello del Dolomiti Superski e collegata al comprensorio Tre Valli (Falcade-S.Pellegrino-Moena) da moderni impianti di risalita.
L’Hotel propone ai suoi ospiti un’ampia e varia selezione di camere dall’architettura tipicamente montana. Sono arredate con eleganza e gusto, dispongono tutte di servizi privati con doccia o vasca, asciugacapelli, tv sat, telefono, minibar, cassetta di sicurezza. Quasi tutte con balcone panoramico.
E’ dotato di un caratteristico bar, di ampia ed elegante hall con adiacente sala lettura e tv, wi-fi gratuito in tutto l’hotel, tipica taverna dove sorseggiare qualcosa in compagnia e trascorrere momenti unici con gli amici, sala giochi con biliardo, garage interno (a pagamento) e parcheggio esterno privato.
Dopo una giornata di escursioni tra le meraviglie della valle di Biois sarà possibile rilassarsi in hotel nel centro benessere con piscina coperta riscaldata e rilassanti idromassaggio. Per chi non vuole farsi mancare nulla ci si può concedere anche una sauna e una seduta solarium (servizi a pagamento).
Il ristorante dell’Hotel offre un’ottima ed energizzante colazione a buffet.
Per la cena specialità tipiche nazionali proposte dal qualificato team di Chef che quotidianamente deliziano gli ospiti con proposte gustose ed innovative.

 

 

 
COSTI DELLA VACANZA

 
485,00 a persona
Con caparra € 200,00 all’atto dell’iscrizione e saldo € 285,00 non oltre 30 giorni prima della partenza (15 giugno)
In alternativa versamento quota intera € 485,00 all’atto dell’iscrizione
Il pagamento deve essere effettuato tramite bonifico bancario (vedi “modalità iscrizione e pagamento”)

 

 
La quota comprende:
-Sistemazione in mezza pensione per 6 notti in camera doppia in albergo 4* stelle, sei colazioni, sei cene,
-Bevande ai pasti in hotel (¼ di vino e ½ di acqua minerale)
-Escursioni come da programma
-Uso della piscina riscaldata e idromassaggio (attenzione: sauna e altri servizi del Centro Benessere sono a pagamento)
-Sala giochi
-Parcheggio esterno
-Accompagnatori Dimensione Attiva presenti per tutto il soggiorno
-Direzione Tecnica e Assistenza Agenzia di Viaggi

 

 
Costi da versare in loco € 95,00
comprendono:
- preparazione delle escursioni,
- accompagnamento professionale,
- organizzazione e redazione del pacchetto
- spese personali e assistenza da parte delle guide locali.
La quota è da versare direttamente al referente durante la vacanza.

 

 
Supplementi e riduzioni:
-supplemento camera singola € 170,00 per l’intero periodo (disponibilità limitata)
-supplemento assicurazione annullamento € 25,00
-supplemento assicurazione assistenza medica e bagaglio € 10,00

 
La quota non comprende:
Viaggio A/R dai luoghi di residenza, pranzi al sacco o al rifugio quando possibile, tassa soggiorno (€ 1,50 a persona al giorno, da versare al momento del check-out), uso della sauna e solarium del centro benessere dell’hotel (possibile ingresso a prezzi convenzionati), garage interno (€ 15,00 a notte, max n. 2 autovetture),  extra individuali, ingressi e/o noleggi vari e tutto quanto non indicato ne “La quota comprende”.

 

 
MODALITA’ DI ISCRIZIONE E PAGAMENTO
-Da eseguire attraverso la compilazione del modulo di iscrizione sul sito
-Pagamento tramite bonifico bancario intestato a Globe Inside srl
-IBAN IT54O0200802632000104437517
-Causale “Dolomiti Valle Biois 2018 – Cognome Nome”

 

 
ATTENZIONE: FA FEDE LA DATA DI PAGAMENTO TRAMITE BONIFICO E NON QUELLA DI INVIO DEL MODULO ISCRIZIONE

 
IMPORTANTE: Dimensione Attiva ha in opzione un determinato numero di camere, oltre tale numero sarà possibile iscriversi soltanto secondo ulteriore disponibilità da parte della struttura.

 

 
NOTE E INFO GENERALI
-Per informazioni:  contact@dimensioneattiva.it   
-I percorsi verranno svolti secondo programma solo se le condizioni ambientali lo permetteranno, nel caso fosse necessario verranno proposte escursioni e attività alternative.
-La proposta si svolgerà esclusivamente al raggiungimento del numero minimo di persone iscritte; qualora il numero minimo non venga raggiunto la quota versata verrà interamente rimborsata.
-Il programma potrà subire variazioni a seconda delle condizioni ambientali a insindacabile giudizio delle guide.
-Attrezzatura suggerita: per maggiori dettagli clicca qui (link a materiale trekking)

 
Un evento "Dimensione Attiva" in collaborazione con la Betullaonline.com
-Organizzazione tecnica di Geosfera Viaggi – gruppo Globe Inside srl                 
 
FANPAGE facebook: Trekking ed escursioni nel Parco Nazionale d'Abruzzo - https://www.facebook.com/pietrobetulla?ref=bookmarks
ISCRIVITI ALLA MAILING LIST DE "LA BETULLA QUALITY FOOD & TREKKING" PER RICEVERE A CASA TUA I PROGRAMMI DEI TREKKING E DELLE ESCURSIONI.


"TREKKING ED ESCURSIONI NEL PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO"
SIAMO MIGLIAIA, UNISCITI A NOI CLICCANDO SUL LOGO



Torna ai contenuti